_____________________________________________________________________________________________________________________________ ... e

No image Selected

Appello per salvare le api

bastaveleni-ico.jpg

Autodeterminazione alimentare

Campagna...non elettorale

di vino

patate

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

Cibo, 10 grandi aziende lo controllano tutto
di Gabriella Meroni

Sono solo dieci le grandi aziende globali a cui fanno capo la stragrande maggioranza dei marchi che troviamo nei supermercati. Un impero che secondo Oxfam schiaccia i produttori locali e continua a inquinare il pianeta
Altro che km zero. Ci sono anche marchi molto noti e amati dagli italiani (come Buitoni, Bertolli, S. Pellegrino e Algida) tra le centinaia di sigle che campeggiano sulla maggior parte dei prodotti alimentari che troviamo ogni giorno nei supermercati, e che fanno capo a sole 10 aziende multinazionali. Sono queste, le Big 10 del Food, che Oxfam International ha messo in fila in un bell'infografico che ce le mostra tutte: sono Coca Cola, PepsiCo, Unilever, Danone, Mars, Mondelez International (la ex Kraft), Kellogg's, General Mills, Nestlé e Associated British Food.
Un'iniziativa che mira a far conoscere ai consumatori come funziona il mercato del cibo globale, ormai saldamente in mano a queste poche compagnie, che tutte insieme hanno tra l'altro un impatto ambientale fortissimo: secondo Oxfam infatti le Big 10 hanno immesso nell'atmosfera 263,7 milioni di tonnellate di gas serra nel 2013, e se fossero una nazione del mondo sarebbero al venticinquesimo posto nella classifica dei paesi più inquinanti. Per saperne di più è possibile consultare il sito della campagna "Behind the Brands".
fonte: www.vita.it

 


___ IL FINE E' NEI MEZZI COME I FRUTTI NEI SEMI ___

 

 



 

 

RIPRENDIAMOCI LA TERRA


 

Maurizio Fadda illustra i principi dell'agricoltura sinergica. Inoltre sottolinea l'importanza di un ritorno alla terra e dell'autoproduzione di cibo, agendo in primo luogo sull'educazione dei bambini e poi sul recupero di un rapporto autentico, quasi viscerale con la terra.

   

Il Mercatino del Biologico ____________________________________

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

 

IL MERCATINO BIO a NUORO

prosegue i suoi appuntamenti

ogni DOMENICA dalle ore 9.00 alle 13.30

in PIAZZA MAMELI (ex Mercato Civico)

 


Sette anni fa da un’idea di Biosardinia (Associazione di agricoltori Biologici) nasceva il mercatino dei contadini biologici con cadenza quindicinale in Piazza S. Giovanni a Nuoro.
In questi anni è diventato il Mercatino di tutti, non è del Comune o di Biosardinia, ma della gente nuorese!
Mercatino che si è trasformato da semplice emporio di prodotti ortofrutticoli Bio al Mercatino degli agricoltori Biologici e del Fare sostenibile e ha trovato una nuova casa nei Giardini Alzheimer di Via Trieste. E’ un posto della Gente e basta, senza secondi ne terzi fini. Di gente che semplicemente compra e mangia Bio, di contadini e di gente che GRATIS E SENZA CERCARE VISIBILITA’ DI OGNI GENERE ci lotta e ci suda da 6 anni, ci passa due domeniche al mese, si sposta gli impegni per esserci, ci investe soldi propri, si inventa le iniziative per farlo progredire e utilizza i mezzi di comunicazione moderni per farlo vivere anche durante la settimana, ma soprattutto ci costruisce senza troppe chiacchiere un mondo migliore, partendo dal nostro piccolo.
E’ un posto dove si capisce o si impara che il cibo non è una merce come le altre e la Terra non è un supermercato.
Dove si sta bene e da cui non si riesce ad andar via, dove sono nate tante associazioni e progetti che stanno piano piano cambiando Nuoro, ma soprattutto tante amicizie come quelle tra Emilia, Maurizio, Santina, Franca, Gianfranco, Nino, Antonello, Daniela, Anna, Gabriela, Mauro, Tore, Nino, Lina, Grazia, Anna Paola, Agnese, Alessio, Piera, ecc…
Insomma è un posto dove decidono le persone e dove si costruisce insieme un’economia diversa, dove contano più le persone e le relazioni fra loro, che i soldi e le Banche, e quando la crisi economica si farà veramente dura questo mercato continuerà a vivere.

Fate sempre la vostra spesa Bio da noi e condividete l’esperienza con le persone che negli anni hanno costruito questa comunità fatta di donne e uomini, genitori e figli, contadini e allevatori, lavoratori e volontari che domenica dopo domenica creano un'ALTRA economia.

 


   

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza di Google Analitycs. Accettando dichiari che accetti l'installazione di questi cookies. Per capire meglio cosa sono i cookies, come vengono usati e come cancellarli, leggi la nostra Informativa estesa.

Accetto i cookies di questo sito.